VISITA GRADARA

Il percorso classico di visita inizia dalla Porta di accesso al Borgo che anticamente era l’unico ingresso al castello. Si costeggia un tratto della prima cinta muraria che racchiude il borgo abitato per giungere alla seconda cinta che protegge la  Rocca, famosa per essere una delle fortificazioni meglio conservate dell’Italia Medievale. Qui conosceremo le vicende delle più potenti famiglie che dominarono questi luoghi di confine tra Marche e Romagna: i Malatesta, gli Sforza e i Della Rovere.

Internamente dal Cortile sul quale  si affaccia il mastio,  la torre più antica di Gradara, si accede al piano nobile  dove si visiteranno una serie di ambienti che evocano funzioni e personaggi diversi.  Quindi si giunge alla stanza più celebre del castello: la Camera di Francesca dove probabilmente si sono incontrati gli amanti raccontati da Dante nel V Canto dell’Inferno.

L’itinerario prosegue esternamente nella  Chiesa di San Giovanni Battista dov’è  possibile ammirare un Crocifisso ligneo  del XV sec. Tale opera se osservata da diverse angolazioni mostra le tre espressioni del Cristo sulla Croce: Cristo Sofferente, Cristo Agonizzante e Cristo Morto.

Percorrendo la via principale del Castello si giunge al  Museo Storico che custodisce una ricca collezione di oggetti ed utensili antichi che faranno rivivere la storia della civiltà contadina del Borgo, dall’epoca medievale fino alla storia recente.

Per gli appassionati del paesaggio si prosegue sui Camminamenti di Ronda dai quali è possibile ammirare un panorama suggestivo sulle colline e il mare vicino Gradara.

  • Trip Advisor Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram